fbpx

Ciao a tutte!

Questo nuovo articolo del blog è stato scritto in collaborazione con Sara Bertani. Per chi non la conoscesse è l’insegnante di Yoga che collabora nello Studio e a questa pagina potrete trovare la pagina dedicata a lei e alla sua storia.

Oggi parleremo di yoga in gravidanza: quando si può fare e quali sono i benefici.

Il termine Yoga vuol dire “congiungere, unire” e in gravidanza questo significato trova la sua massima espressione: l’unione tra la mamma e il suo bambino.

Con semplici esercizi adatti alle gestanti la donna impara a conoscersi, ad affrontare la gravidanza con naturalezza e ad avere quindi padronanza del proprio corpo e delle emozioni. Tutto questo le torna utile per giungere al travaglio con serenità e consapevolezza.

Ma quali sono gli esercizi/attività più utili per la donna in gravidanza?

  • Apertura del petto: durante gli incontri di yoga la donna ha la possibilità di sperimentare esercizi utili a favorire l’apertura del petto con lo scopo di migliorare la respirazione permettendo al diaframma maggior possibilità di movimento. L’apertura del petto consente anche di migliorare il funzionamento degli organi interni favorendo una buona digestione alleviando la congestione addominale
  • Ricerca dell’equilibrio : tramite lo yoga la futura mamma ha l’occasione di assumere posizioni yogiche che rivitalizzano il corpo e la mente per sentirsi più energica rimanendo consapevole della sacralità di questo avvenimento, rispettando il suo corpo e la vita che cresce dentro di lei. Sperimentando posizioni stabili e piacevoli è possibile imparare a distribuire in modo corretto il peso del corpo che in gravidanza aumenta e sposta il baricentro considerevolmente, provocando un cambiamento di postura che coinvolge anche l’equilibrio. Attraverso movimenti semplici, lenti e fluidi la donna può prevenire ed alleviare dolore e infiammazione al bacino che per nove mesi sarà la culla del bambino, aiutando a sostenere il peso del pancione.
  • Esercizi di respirazione: in gravidanza è importante ascoltare il proprio respiro per restare nel qui ed ora. L’obiettivo degli esercizi di respirazione è di portare l’attenzione verso l’interno e rendere consapevole la mamma che sta respirando per due: il suo respiro, infatti, è ossigeno per il suo bambino. Si rafforza la magia dell’essere un tutt’uno con la vita che cresce nel grembo. Il bambino entra in sintonia con il ritmo respiratorio della mamma e sa quando è rilassata, in tensione, di riposo o in attività. Inoltre, le diverse tecniche di respirazione, sono utili anche durante il travaglio di parto perché da un punto di vista fisiologico l’espirazione è un antidoto per il dolore. Espirazioni lunghe, lente e profonde riducono il battito cardiaco e incoraggiano le inspirazioni che apportano una buona quantità di ossigeno alla mamma e al bambino.
  • Rilassamento: durante gli incontri la gestante può imparare a rilassarsi, pratica fondamentale in gravidanza perché quando la mamma è sotto stress produce un’enorme quantità di cortisolo che va ad influenzare il sistema nervoso del bambino. Il rilassamento profondo aiuta la donna a diventare più forte e resistente facilitando il ritorno verso uno stato di equilibrio e tranquillità dopo una stimolazione o uno stress. Questa pratica offre gioia e tranquillità anche al bambino.

Quando è possibile praticare lo Yoga in gravidanza?

Lo Yoga può essere praticato da tutte le gestanti in qualsiasi trimestre di gravidanza con l’approvazione e il certificato di buona salute del proprio ginecologo.

  • PRIMO TRIMESTRE: nel Primo trimestre il corpo è in fase di cambiamento e questo è dovuto allo sviluppo del bambino e agli ormoni che cominciano a farsi presenti e danno delle sensazioni e sintomi alla madre. Durante la pratica, cosi come nella vita quotidiana, è meglio evitare movimenti troppo rapidi, torsioni profonde e stiramenti estremi nel primo trimestre.
  • SECONDO TRIMESTRE: è il periodo migliore per praticare lo Yoga. E’ chiamato anche il trimestre del benessere. Il corpo continua a subire dei cambiamenti, la pancia si fa importante e porta la donna ad assumere delle posizioni spesso non corrette. La gravida può praticare giornalmente lo yoga evitando posizioni troppo statiche e evitando di restare in piedi per troppo tempo.
  • TERZO TRIMESTRE: è quello più pesante e difficile. È bene evitare movimenti rapidi che possono compromettere la qualità della respirazione e che possano comprimere il grembo. Una gestante che ha praticato lo yoga in gravidanza riesce a vivere meglio queste ultime settimane arrivando serena al momento del travaglio e del parto, vivendo questo momento con gioia.

Quali benefici può dare lo Yoga in gravidanza?

I benefici sono moltissimi:

  • Allunga e scioglie la tensione muscolare aiutando a riposare meglio migliorando circolazione, mobilità forza e flessibilità;
  • Insegna come respirare correttamente: attraverso gli esercizi di respirazione yogica si regolarizza più facilmente anche l’equilibrio emozionale;  
  • È rilassante per la mamma e per il bambino. Rilassandosi e respirando con consapevolezza la gestante presta più attenzione ai segnali inviati dal corpo ed entra meglio in connessione con se stessa e con il bambino;
  • Aiuta la donna a prepararsi per il travaglio ed il parto perché riduce ansia e stress. Quando si ha paura o si sente dolore il corpo produce adrenalina che provoca una riduzione di ossitocina nel sangue (l’ormone che contribuisce a far progredire il travaglio verso il parto).
  • Praticare yoga calma il corpo e la mente, riducendo i fattori che portano il corpo a produrre adrenalina e cortisolo, aiutando la donna durante i difficili momenti del parto. •
  • Può alleviare i classici disturbi della gravidanza come stanchezza, mal di schiena, gonfiore alle articolazioni, dolori a livello lombare, nausea, costipazione, mal di testa e la difficoltà nel respiro.  
  • Aiuta la mamma a rinforzare il legame con il bambino attraverso un ascolto consapevole che aiuta la donna a restare nel qui ed ora, nel presente; •
  • Praticare in gravidanza aiuta la donna a sperimentare ancora più profondamente la magica sensazione di essere una cosa sola con il proprio bambino. I suoi movimenti lo cullano e la sua voce lo massaggia.

Future mamme.. non vi resta che venire in studio per provare di persona una lezione gratuita di Yoga in Gravidanza.

Prossimamente Sara ci racconterà anche che cos’è e che benifici ha lo Yoga Mamma Bebè.

A presto!